29 Novembre #IoNonPossoSaldare

La resa dei conti

30 January 2014


di Alberto De Nicola e Francesco Raparelli

Sono almeno quattro anni, da quando è esplosa la crisi dei debiti sovrani (Grecia, maggio 2010), che insistiamo sulla necessità di utilizzare la categoria marxiana di «accumulazione originaria» per comprendere la gestione neoliberale o più propriamente ordoliberale (ovvero la singolarità tedesca all’interno del campo neoliberale) della seconda Grande Depressione. In cosa consisterebbe questa rinnovata «accumulazione originaria» che investe, tramite la leva del debito pubblico e la continua, violentissima, pressione dei mercati finanziari, i paesi del Sud Europa? Privatizzazione delle public utilities e dei commons (naturali e artificiali); riduzione dei salari, aggressione al reddito, aumento smisurato della disoccupazione.

>> Read more

Frati, la Sapienza non è tua!

13 December 2013

Il 12 dicembre è stata una giornata di sciopero del settore custodia e guardiania dell'Università La Sapienza di Roma, indetto da USB e partecipato anche dal comitato auto-organizzato, insieme a CLAP. Durante la mattina sono stati distribuiti volantini che  denunciavano le condizioni di lavoro e sfruttamento del mondo degli appalti gestito dal “magnifico rettore” Frati. Durante lo svolgimento della manifestazione degli studenti, che contestavano i rappresentanti del governo Letta, il ministro del Lavoro e il presidente di Confindustria, abbiamo assistito a cariche violente e indiscriminate conto gli studenti. Continueremo  a scioperare e lottare insieme agli studenti per la dignità del lavoro e dell'Università pubblica.

>> Read more

12 Dicembre. Sciopero a La Sapienza

11 December 2013

La Sapienza nega tavolo a lavoratori degli appalti per presenza degli studenti. 12 Dicembre, sciopero e mobilitazione


Era previsto per martedì 10 dicembre all’Università La Sapienza un incontro con le rappresentanze sindacali dei lavoratori in appalto della National Service che hanno proclamato uno sciopero per il prossimo 12 dicembre. I motivi dello sciopero si inseriscono all’interno di una vertenza che dura oramai da anni sulle condizioni di lavoro degli addetti esternalizzati alla sicurezza. In particolare, qualche settimana fa, è stata recapitata una richiesta di trasferimento nei confronti di una lavoratrice e delegata sindacale dell’USB della National Service, rea di aver denunciato le continue irregolarità dell’azienda.

>> Read more

L’8 dicembre io lotto

4 December 2013

Contro lo sfruttamento nei centri commerciali, contro il lavoro nei giorni festivi

Alcuni pregiudizi ci impediscono, spesso se non sempre, di capire la realtà, quella del lavoro ad esempio. Quante volte abbiamo sentito dire che il contratto nazionale è, di per sé, una garanzia contro la deregolamentazione del mercato del lavoro e la precarietà? Quante la stessa parola precarietà è stata considerata sinonimo di assenza di regole? Ancora: quante volte il lavoro part time è stato proposto come un'occasione di libertà, soprattutto per le donne, alle quali una perversa indicazione divina attribuisce anche il lavoro domestico e di cura?

Il lavoro del commercio, lo sfruttamento garantito dal contratto nazionale che lo riguarda, la liberalizzazione degli orari e delle aperture introdotte dal decreto Salva-Italia del governo Monti, ma soprattutto i racconti di chi nei grandi centri commerciali lavora, nel segno del ricatto e della precarietà, ci impongono di sbarazzarci dei pregiudizi, di afferrare la realtà per quella che è, di combattere per trasformarla.

>> Read more

CLAP contro la gestione separata INPS

29 November 2013

Mentre i nuovi dati Istat ci consegnano l'ennesimo aumento della disoccupazione giovanile ormai al massimo storico, precari e intermittenti organizzatisi nelle Camere del Lavoro Autonomo e Precario, hanno dato vita ad un sit-in sotto la sede centrale dell'Inps a Roma alla vigilia del versamento dell'acconto d'imposta per le partite iva.

>> Read more

29 Novembre #IoNonPossoSaldare

25 November 2013

Venerdì 29 Novembre vogliamo manifestare, come facemmo lo scorso anno, sotto la sede centrale dell’INPS a Roma, per continuare a denunciare lo scempio del sistema previdenziale italiano e per dire che, oltre a fermare gli aumenti, bisogna ridurre da subito l’aliquota, soprattutto per chi fattura poco e ha redditi bassi.

Il 30 novembre è l’«innominabile data-boia». Coincide, infatti, con il versamento dell’acconto d’imposta, non rateizzabile, di tasse e contributi. Si tratta di un anticipo dei contributi per l’anno 2013 per il quale non è ancora stata fatta la dichiarazione dei redditi. Come dire: “intanto paga, indipendentemente da quanto hai effettivamente lavorato e fatturato, poi si vedrà”.

 

Per chi è partita Iva, l’aliquota relativa alla gestione separata dell’INPS equivale al 27,72% del fatturato. Altrettanto viene sottratto ai compensi dei collaboratori o dei lavoratori a progetto. Con la nefasta riforma Fornero (legge 92 del 2012), l’aliquota raggiungerà progressivamente (entro il 2018) il 33%. Un furto nelle tasche di chi è intermittente, precario nelle forme di vita e di lavoro.

 

La stangata, per l’anno 2014, dovrebbe essere congelata. Così dicono il ministro del Lavoro Giovannini e il pacchetto di emendamenti alla Legge di stabilità da lui presentato. Damiano, che da ministro (Prodi bis) è stato tra i maggiori responsabili dell’aumento spropositato dell’aliquota, propone ora un anno di confronto «per affrontare in modo organico il tema della contribuzione e delle tutele delle partite Iva». Troppo poco e troppo tardi.

>> Read more