Seminario di formazione fiscale – II atto

Il lavoro si paga, il lavoro si tutela

25 February 2016 |  Clap Roma

L’altra faccia di Mafia Capitale. Gli operatori dell’accoglienza senza stipendio da un anno. Un’interdittiva antimafia ha commissariato i progetti, revocati altri. Nessuna risposta dalle istituzioni. Le lavoratrici e i lavoratori della cooperativa “Un sorriso” scrivono al prefetto di Roma Franco Gabrielli. Manifesteremo “sotto i suoi uffici il primo marzo, giornata di mobilitazione contro lo sfruttamento del lavoro migrante” (qui la storia).

>> Read more

Il lavoro si paga, i diritti non hanno frontiere

23 February 2016 |  Clap Roma

ROMA | Martedì 1 marzo, ore 10, tutt* sotto la Prefettura con le operatrici e gli operatori sociali

Primo marzo: giornata europea – promossa dal Transnational Social Strike – di sciopero e mobilitazione del lavoro migrante; giornata di mobilitazione contro l’Europa fortezza, le deportazioni, il razzismo. Da Berlino a Parigi, da Londra a Stoccolma, da Varsavia a Edimburgo, e poi in Italia, da Milano a Bologna, da Roma a Foggia: decine le città dove prenderanno forma azioni di protesta, blocchi, picchetti, presidi. Di fronte a chi (vedi il Regno Unito) impedisce l’accesso al welfare per i lavoratori migranti o a chi (il caso dell’Ungheria) alza muri in risposta all’emergenza profughi, l’Europa solidale alza la testa e, il Primo marzo, con forza farà sentire la sua voce.

>> Read more

Jobs Act lavoro autonomo: prende parola la “Coalizione 27 febbraio”

3 February 2016

Foto Ddl Del ConteJobs Act del lavoro autonomo: piccoli passi in avanti e tanti diritti ancora da strappare

Il Disegno di Legge varato dal Consiglio dei Ministri dello scorso giovedì 28 gennaio non è lo «Statuto del lavoro autonomo e professionale». Basta soffermarsi sul suo ambito di applicazione per coglierne la parzialità. A differenza di ciò che si afferma sui media, il Ddl non delinea una disciplina organica del lavoro autonomo, ma prevede solo interventi singoli destinati a una parte di questo variegato mondo: gli iscritti alla gestione separata INPS, che, sulla base degli ultimi dati (senz’altro incompleti), risultano poco più di 220.000. Petizioni di principio a parte, dal Ddl sono di fatto esclusi molti altri lavoratrici/lavoratori autonomi, a partire dai professionisti iscritti alle casse di previdenza private (come avvocati, ingegneri, architetti, farmacisti e geometri) che, secondo le ultime rilevazioni ADEPP, sfiorano la quota di 1,5 milioni.

Analizzando il merito del Ddl, alcuni degli interventi previsti sono positivi e condivisibili, frutto della pressione dei movimenti dei freelance degli ultimi anni, ma non possono che essere un inizio: ci riferiamo alla deducibilità integrale delle spese di formazione (che pure riguarda solo i freelance nel regime fiscale ordinario) e alle misure sulla malattia (l’equiparazione delle terapie domiciliari alla degenza ospedaliera vale solo per le malattie oncologiche). Stesse considerazioni per le misure in materia di previdenza e assistenza, come quella sui congedi parentali, o quella sulla sospensione del pagamento dei contributi previdenziali. In tutti questi casi, però, la platea dei destinatari esclude gli ordinisti.

>> Read more

Napoli 6.02 | Libera Carta

3 February 2016

Sabato 6 febbraio, ore 18 presso Zero81.

CLAP Napoli | Siamo lieti di presentare l’ultimo lavoro di Giuseppe Bronzini e Giuseppe Allegri Libertà e lavoro dopo il Jobs Act e la Carta dei diritti e dei principi del lavoro autonomo e indipendente (Coalizione 27F).

«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro», esordisce l’articolo 1 della nostra Costituzione. Ma di quale «lavoro»? E cosa significa questo principio, che avrebbe voluto essere di emancipazione, quando il lavoro diventa una chimera per i giovani inoccupati, come per i quarantenni e cinquantenni espulsi dal mercato del lavoro e che non ritroveranno un’occupazione? E per le giovani donne che continuano a firmare «dimissioni in bianco» in caso di gravidanza? Allora: cosa significa «lavoro» nella fine della società salariale e con l’avvento delle nuove tecnologie?

>> Read more

Libera Carta: scriviamo i nostri diritti di freelance e ordinisti

29 January 2016

 

Carta C27F

 

Milano, venerdì 29 gennaio alle ore 18, presso il Coworking Spazio A in via Pollaiuolo inizia il tour della Carta dei diritti e dei principi del lavoro autonomo e indipendente, promossa dalla “Coalizione 27 febbraio”. L’incontro sarà introdotto da Sergio Bologna, autore, tra l’altro, de La new workforce. Il movimento dei freelance.

La carta è promossa dalla “Coalizione 27 Febbraio”: una rete di venti associazione del lavoro autonomo, ordinistico e «atipico» (avvocati, architetti, ingegneri, geometri, farmacisti, ricercatori precari). La carta dei diritti dei freelance e degli ordinisti è un testo aperto, una bozza concepita e da costruire insieme con i freelance, gli autonomi e i lavoratori indipendenti che vorranno partecipare alla scrittura dei loro diritti e all’immaginazione di un paese diverso per noi e i nostri lavori.

>> Read more

Seminario di formazione fiscale – II atto

19 January 2016

QUADRO _CESV_03-01

Venerdì 22 gennaio, dalle ore 16 alle ore 19 presso Esc (via dei Volsci 159), il II atto del seminario di formazione fiscale a cura di CLAP e della commercialista Cinzia Cimini.
Il seminario è rivolto a lavoratrici e lavoratori autonomi, parasubordinati, intermittenti.


Il programma del II atto sarà:

* I principali adempimenti fiscali: IVA, IRAP e IRPEF
* I principali oneri deducibili ai fini del calcolo dell’IRPEF
* Le detrazioni fiscali spettanti
* Le modalità di versamento delle imposte e il ravvedimento
* La gestione separata
* Gli studi di settore e l’accertamento


Venerdì 22 gennaio | ore 16-19 | Esc, Atelier autogestito | via dei Volsci 159, Roma |
Info/contatti: www.clap-info.net
info@clap-info.net