La resa dei conti

La Sanità in appalto ai privati, i lavoratori non vengono pagati

3 April 2014 |  Clap Roma

Il Ce.Fi., centro di riabilitazione ambulatoriale e domiciliare, accreditato presso la Regione Lazio e attivo da circa 30 anni sul territorio di Ciampino, sta per chiudere i battenti. I ritardi nei pagamenti da parte della Regione, i continui tagli al budget, assieme ad una cattiva gestione, lo hanno condotto sull’orlo del fallimento.

Quaranta lavoratrici e lavoratori ‒ terapisti, amministrativi, medici da oltre un anno prestano la loro opera senza percepire stipendio e compensi, affinché non venga interrotto il percorso di riabilitazione dei tanti pazienti, adulti e bambini, che al centro si sono affidati per il recupero della loro disabilità. Con la chiusura del centro, non solo le lavoratrici e i lavoratori saranno disoccupati, ma rimarranno senza terapia i pazienti che si vedranno costretti a mettersi in lista d’attesa in altri centri, e, soprattutto, spariranno 143 posti di riabilitazione.

  >> Read more

Fondi Europei. Manifestazione e tavolo in Regione Lazio

28 March 2014

10155694_10202356390649310_1649921773_n

Oggi un corteo numeroso e combattivo ha sfilato da San Paolo alla finestre della Regione Lazio, per pretendere che i fondi europei destinati al Lazio siano oggetto di una discussione pubblica e realmente partecipata. Per ribadire che è affare di precari, disoccupati, lavoratori, studenti decidere come queste risorse verranno spese.

In piazza oggi l’Unione sindacale di base, che aveva convocato anche lo sciopero di diverse categorie, i movimenti per il diritto all’abitare, le Camere del lavoro autonomo e precario, comitati territoriali come Cinecittà bene comune e diverse altre realtà sociali di base. Mentre una delegazione incontrava l’amministrazione regionale, i movimenti per il diritto all’abitare hanno occupato simbolicamente il monumento alla speculazione che è il famigerato “bidet” di proprietà del palazzinaro Caltagirone. Dall’occupazione è stata rilanciata la manifestazione nazionale del prossimo 12 aprile a Roma contro il jobs act e il piano casa del governo Renzi.

>> Read more

Giù le mani dai fondi strutturali europei

20 March 2014
Fondi europeiGiovedì 20 marzo ore 17.00 Assemblea pubblica alle Officine Zero (via Partini, Casalbertone), verso il corteo e lo sciopero regionale di venerdì 28 febbraio che arriverà sotto le finestre della Regione Lazio.

Da anni ci ripetono che non ci sono risorse per affrontare i problemi reali. Non ci sono fondi per salvare i posti di lavoro, per rilanciare i servizi, per curare l’ambiente, per pagare le pensioni, per il reddito minimo, per le case popolari, per la scuola pubblica, per gli asili nido, per la cultura, per la ricerca.

Ma per il periodo 2014-2020 la Regione Lazio ed il Comune di Roma disporranno rispettivamente di 1,077 mld e 3 mld di Fondi Europei ai quali andranno aggiunte le centinaia di milioni destinati per le aree metropolitane e tutti quelli che sono stati incapaci di spendere nel periodo appena concluso e che ancora sono disponibili. Questi Fondi devono essere messi a disposizione delle tante necessità collettive che caratterizzano i nostri territori poiché è inaccettabile che ancora una volta possano essere dilapidati in clientele o regalie alle imprese che non producono occupazione.

>> Read more

7.03 – Roma: mercato del lavoro e prototipi di auto-organizzazione

1 March 2014

7_marzo_web7 marzo 2014, ore 18

presso Esc, atelier autogestito (via dei Volsci 159)

CLAP (Camere del Lavoro Autonomo e Precario)

presenta il dibattito dal titolo:

Roma: mercato del lavoro e

prototipi di auto-organizzazione

Intervengono:

Enzo Carbone (sociologo); USB/Commercio; Cobas del Turismo; lavoratrici e lavoratori di National Services (Università “Sapienza”)

Quali sono le peculiarità del mercato del lavoro romano? Quale la concentrazione di lavoro precario, intermittente e autonomo di nuovissima generazione? Ancora: quali forme di auto-organizzazione o di sindacalismo conflittuale cominciano a conquistare la scena? Quale federazione possibile tra gli esperimenti più innovativi?

Per tentare di rispondere a queste domande, CLAP propone un pomeriggio di discussione pubblica nel quale connettere formazione e inchiesta, ricognizione analitica e auto-narrazione delle lotte contro la precarietà, il ricatto, lo sfruttamento.

Sarà anche giornata/serata utile per conoscere meglio CLAP, le attività dei suoi sportelli di assistenza legale e fiscale e, con il tesseramento, poterle sostenere.

«un torto fatto a uno di noi è un torto per tutti»

****

Dalle 22 Dj-set con Better Noise

Info: www.clap-info.net

www.escatelier.net

Diretta streaming radiofonica: radiosonar.net

Hotel de la Ville: lavoratori contro le esternalizzazioni

26 February 2014

Quindici dipendenti dell’Hotel de La Ville di via Sistina a Roma (120 dipendenti in tutto) rischiano di finire a lavorare per una cooperativa, un modo meno duro di renderli inoffensivi, ricattabili e accompagnarli verso la mobilità. Prendere o lasciare. Ma i lavoratori, molti dei quali organizzati dai Cobas del Turismo, non ci stanno, e, nonostante le rassicurazioni dei sindacati confederali, che rilanciano il “governo” del processo di esternalizzazione, hanno prima scioperato lo scorso 15 febbraio e oggi (25.02) tenuto un presidio molto determinato mentre si svolgeva il tavolo sindacale.

>> Read more

La resa dei conti

30 January 2014


di Alberto De Nicola e Francesco Raparelli

Sono almeno quattro anni, da quando è esplosa la crisi dei debiti sovrani (Grecia, maggio 2010), che insistiamo sulla necessità di utilizzare la categoria marxiana di «accumulazione originaria» per comprendere la gestione neoliberale o più propriamente ordoliberale (ovvero la singolarità tedesca all’interno del campo neoliberale) della seconda Grande Depressione. In cosa consisterebbe questa rinnovata «accumulazione originaria» che investe, tramite la leva del debito pubblico e la continua, violentissima, pressione dei mercati finanziari, i paesi del Sud Europa? Privatizzazione delle public utilities e dei commons (naturali e artificiali); riduzione dei salari, aggressione al reddito, aumento smisurato della disoccupazione.

>> Read more